Brunetto Latini, maestro. (#Dante, Inferno, canto XV, terza parte).

leonardolugaresi

«Cosa fa un maestro?». «Fa lezione, cioè insegna». «Giusto, ma questo lo fanno anche i libri, lo fa persino la televisione e ora lo fa più di tutti Internet».

Ciò che i libri non possono fare – come già diceva Platone – è rispondere alle domande. Gli altri mezzi, per quanto interattivi pretendano di essere, se la cavano benissimo con le domande prefabbricate (le loro amate FAQ); assai meno bene con quella che hai tu in questo preciso momento, e non sanno nulla di quella inespressa che porti magari nel cuore e non è ancora affiorata alle labbra, ma che un buon maestro sarebbe capace di disotterrare.

Soprattutto, però, il maestro giudica. Non c’è vero insegnamento senza valutazione, che è forse la sua parte più difficile, opinabile e rischiosa. Il giudizio del maestro può essere sbagliato, anche radicalmente, ma è comunque un punto oggettivo di confronto e di misura per…

View original post 715 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...