Leggere #Dante ai tempi del #coronavirus.

leonardolugaresi

Da venerdì siamo tutti, chi più chi meno, spaventati. E tentati di pensare che il famoso virus (non metaforico) sia la sola cosa importante di cui ci si deve occupare in questo momento.

Non è così, naturalmente. Come sempre, ciò di cui ciascuno di noi deve occuparsi, per la parte che gli compete, è la vita nella totalità dei suoi fattori. Mi ha sempre colpito, studiando la storia delle catastrofi del passato, come anche nei momenti di maggiore difficoltà collettive le singole persone continuassero a fare tante altre cose, tra cui anche quelle che all’“uomo pragmatico” sembrano più inutili: leggere, fare e ascoltare musica, scrivere libri scientifici e poesie … Quando mi capita, scorrendo una bibliografia o direttamente prendendolo in mano, di imbattermi in qualche saggio pubblicato in uno dei paesi in guerra negli anni del secondo conflitto mondiale, non posso fare a meno di pensare alle condizioni in…

View original post 401 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...