LETTTERA INEDITA A PIO XII DELLA FIGLIA DEL RABBINO DI VIENNA UN CUI ESPRIMEVA RICONOSCENZA AL PAPA

JOSEPH RATZINGER :B16 e G.GÄNSWEIN

web3-pius-xii-pope-pd

La missiva tra i documenti presenti negli archivi vaticani aperti il 2 marzo

“La gentilezza mostrata in quell’occasione, che supera ogni immaginazione, mi ha dato da allora speranza in tanti momenti oscuri”, si legge in una lettera redatta in tedesco datata 4 luglio 1944 in cui Margarethe Bach, figlia del rabbino di Vienna, ringraziava Papa Pio XII (1876-1958) per l’aiuto ricevuto e diceva che nelle prossime feste ebraiche avrebbe pregato insieme a suo padre per il leader cattolico.Perché la figlia del rabbino di Vienna parla di “momenti oscuri”? Va menzionato che fino al 1938, quando si verificò l’annessione dell’Austria da parte della Germania nazista, a Vienna vivevano quasi 200.000 ebrei, che rappresentavano il 10 % della popolazione della capitale. 130.000 riuscirono a fuggire in tempo dai nazisti, mentre gli altri vennero mandati nei campi di concentramento e di sterminio – dove la…

View original post 690 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...