«La nostra imagine»: il corpo umano è sacro. (#Dante, Inferno, canto XX, secondo nucleo)

leonardolugaresi

Il “nucleo poetico”, elementare e fortissimo, della prima parte di questo canto è la sofferenza di fronte alla profanazione del corpo umano. Quando Dante guarda «ne lo scoperto fondo» della quarta bolgia vede «gente per lo vallon tondo / venir, tacendo e lagrimando, al passo / che fanno le letane in questo mondo» (vv. 7-9). Dopo la falsa confessione del papa simoniaco, ecco la falsa processione degli indovini: non c’è niente da fare, il male non ce la fa a non essere una trista parodia del bene. (Non può essere altro che questo, a ben vedere).

Ma cosa vede, quando passa dallo sguardo d’insieme alla messa a fuoco dei singoli corpi? «Come ‘l viso mi scese lor più basso, / mirabilmente apparve esser travolto / ciascun tra ‘l mento e ‘l principio del casso, // ché da le reni era tornato ‘l volto, / e in dietro venir li…

View original post 668 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...