«Suso in Italia bella»: Dante, primo geografo. [#Dante, Inferno, canto XX, terzo nucleo]

leonardolugaresi

Dopo aver sgridato il discepolo per la sua malintesa pietà (vedi i commenti dei membri della comitiva al post del 30 marzo), il maestro Virgilio provvede a illustrargli la galleria di personaggi mitologici di cui la bolgia dei maghi e indovini è ricca: Anfiarao (che «volse veder troppo avante» e perciò «di retro guarda e fa retroso calle»); Tiresia (che «di maschio femmina divenne / cangiandosi le membra tutte quante»); Aronte (che stava tra i monti della Lunigiana «onde a guardar le stelle / e ‘l mar non li era la veduta tronca»); e poi Manto, maga tebana figlia di Tiresia che dopo un passato da globe trotter finì per stabilirsi «là dove nacqu’io», dice Virgilio (che agli occhi di Dante è quasi più mantovano che romano).

Sin qui (vv. 31-57), gran sfoggio di cultura classica da parte del Nostro (ci siamo abituati e non ci fa poi così tanto…

View original post 410 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...