Virgilio spernacchiato (pure questa ci tocca vedere). [#Dante, Inferno, canto XXI, secondo atto]

leonardolugaresi

Una persona onesta, per bene, magari un po’ compresa di sé e del proprio ruolo com’è il Virgilio che abbiamo conosciuto fin qui nella Commedia, messa in mezzo ad un ambiente di farabutti, nel clima di imbrogli e di farsa che vi è connaturato è comprensibile che si trovi spaesato e finisca per non farci una gran bella figura. Dante ci prepara ad una seconda “umiliazione” del suo maestro (dopo quella subita alle porte della città di Dite: «Li occhi a la terra e le ciglia avea rase / d’ogne baldanza e dicea ne’ sospiri: / chi m’ha negate le dolenti case!» VIII, vv.118-120) e lo fa come sempre con sublime sottigliezza, presentandocelo dapprima sicuro di sé come non mai: «Lo buon maestro» – (me la immagino solo io una leggerissima sfumatura di condiscendenza in questo appellattivo così meno impegnativo di altre volte: “buon maestro”, un po’ come si dice…

View original post 1.084 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...