Ipocriti. (#Dante, Inferno, canto XXIII, prima parte)

leonardolugaresi

Gli ipocriti, a prima vista, sembra che siano tutta un’altra cosa dai barattieri.

Il loro canto si apre con una terzina piena di silenzio e di gravitas: «Taciti, soli, sanza compagnia / n’andavam l’un dinanzi e l’altro dopo, / come frati minor vanno per via» (vv.1-3), e lo stacco non potrebbe essere più netto. Dopo il trambusto, la volgarità sfrontatamente esibita e i movimenti fulminei e scomposti di diavoli e dannati della bolgia precedente, è come se, insieme con Virgilio e Dante, ora dovessimo anche noi decontaminarci, in silenziosa solitudine, dalla «fera compagnia» dei Malebranche, subita nel canto precedente (ma anche un po’ accettata in base al semplicistico e incauto assunto che bisogna andare «ne la chiesa / coi santi, e in taverna coi ghiottoni»). Qui, appunto, un sentore di atmosfera ecclesiastica, anzi fratesca, comincia ad avvertirsi, già nella similitudine del v.3: «come frati minor vanno per via».

Chiusa…

View original post 490 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...