Caifa è qui! (Facciamo il punto sull’ipocrisia) [#Dante, Inferno, canto XXIII, seconda parte]

leonardolugaresi

A ben vedere, la cosa più sorprendente dell’intero canto è la presenza di Caifa tra gli ipocriti della sesta bolgia. Sorprendente per Dante, tanto da bloccargli sul nascere il pippone contro i religiosi politicanti che gli stava partendo dopo aver parlato con due frati godenti bolognesi, Catalano dei Malavolti e Loderingo degli Andalò (vv. 109-111: «Io cominciai: “O frati, i vostri mali …”; / ma più non dissi, ch’a l’occhio mi corse / un, crucifisso in terra con tre pali»). Sorprendente per Virgilio, che l’altra volta che era stato nel basso inferno quel crocifisso non l’aveva visto e sembra non aver molto chiaro perché ora si trovi lì  («Allor vid’io maravigliar Virgilio / sovra colui ch’era disteso in croce / tanto vilmente ne l’etterno essilio» vv.124-126). E sorprendente anche per me, che dalla lettura dei vangeli mi ero sempre fatto l’idea che Caifa fosse sì il più puzzone di tutti…

View original post 1.062 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...