Ladri! (#Dante, Inferno, canto XXIV, prima puntata)

leonardolugaresi

Nei canti XXIV e XXV, dedicati alla bolgia dei ladri, è predominante, in maniera quasi ipertrofica, il tema della metamorfosi. Facile distrarsi dietro ai giochi di prestigio che vedremo, appositamente ostentati del resto con scoperta soddisfazione dall’autore, e perdere di vista il nesso teologico e morale tra la configurazione della pena e la natura del peccato dei ladri. Nesso che dapprima sembra sfuggirci, ma che, come sempre, costituisce un elemento fondamentale per intendere correttamente il testo dantesco.

Anzitutto, chiediamoci chi sono i ladri. «Quelli che rubano» si dirà subito. Cioè quelli che «portano via la roba (l’etimo, di origine germanica, è lo stesso) agli altri». Ma ci sono tanti modi di rubare: giuridicamente, tra furto e rapina c’è una bella differenza (poi c’è anche l’appropriazione indebita, che è un’altra cosa ancora, ma è sempre rubare).

Nel sentire comune, però, chi mi porta via ciò che mi appartiene…

View original post 883 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...