Vanni Fucci, bestia, e noi. (#Dante, Inferno, canto XXIV, seconda puntata)

leonardolugaresi

Guardando nel fondo della settima bolgia si vede una «terribile stipa / di serpenti e di sì diversa mena / che la memoria il sangue ancor mi scipa» (vv. 82-84). Dal tono elevato, da dramma borghese, tenuto finora nel dialogo fra i due viandanti, si vira bruscamente al pulp (anche se di qualità altissima, beninteso), entrando in un rettilario spaventoso in cui Dante, con vena sontuosamente espressionistica, ci ammannisce versi succulenti cone questi: «Più non si vanti Libia con sua rena; / ché se chelidri, iaculi e faree / produce, e cencri con anfisibena, // né tante pestilenze né si ree / mostrò già mai con tutta l’Etïopia / né con ciò che di sopra al Mar Rosso èe» (vv. 85-90).

(In una scuola ideale, in cui il tempo disponibile non fosse un problema – tipo un liceo in cui si studiasse solo la Divina Commedia! – sarebbe bello a…

View original post 1.033 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...