Frenare l’ingegno? (#Dante, Inferno, canto XXVI, vv. 19-24)

leonardolugaresi

Non sia mai! Questo è ciò che la mentalità moderna in ogni caso non accetta: può ammettere che si ponga un freno alle applicazioni dell’ingegno umano, ma non al suo libero dispiegarsi nella ricerca di conoscenze. Il presupposto di questo convincimento così radicato e diffuso è l’idea che il giudizio morale riguardi solo l’agire, non il conoscere. Che vi sia una moralità della conoscenza, nella nostra prospettiva, è escluso. «Virtute e canoscenza» – il binomio della formula di Ulisse che sta al centro di questo canto – letto in questa chiave non può che essere un’endiadi, poiché la conoscenza in quanto tale è sempre e comunque virtuosa.

Questo modo di pensare, tuttavia, trascura e finisce per negare l’unità della persona umana. Esiste, al contrario, una moralità della conoscenza e, corrispondentemente, una radice noetica (o dianoetica, come avrebbe detto Aristotele) di tutti i comportamenti, virtuosi o viziosi dell’uomo: ci si comporta…

View original post 479 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...