La CEI attacca il ddl Zan, ma non si può criticare a metà

Il fumo di Satana

Il comunicato dei vescovi, pur essendo lodevole, non va alla radice del problema: si deve dire “no” al ddl Zan non tanto perché non ci sono lacune normative sulla materia o perché sarebbe un attentato alla nostra libertà di parola, bensì perché l’omosessualità non fa il bene della persona e quindi contraddice il bene comune. Non si può dire “no” all’omosessualità solo a metà, solo sul versante giuridico. La CEI infatti più volte è rimasta inerte di fronte alle veglie arcobaleno tenute in molte chiese d’Italia.

View original post 851 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...