Twitter e Youtube permettono la propaganda comunista, censurando aggressivamente le fonti conservatrici

Neovitruvian's Blog

Il Washington Free Beacon ha appena pubblicato i risultati di un’indagine sulle società di social media americane e la loro gestione della propaganda e della disinformazione del governo cinese che sono regolarmente distribuite sulle loro piattaforme.

Secondo quanto riferito, un’indagine condotta dal rappresentante della commissione per gli affari esteri della Camera, Michael McCaul, ha utilizzato le risorse del Congresso per esaminare in che modo le figure del PCC utilizzano piattaforme diverse e quali politiche ciascuna ha messo in atto per contrassegnare le informazioni come propaganda o censurarle.

Sorprendentemente, anche i siti web più rigorosi hanno gestito la propaganda cinese con i guanti di velluto, reprimendo allo stesso tempo le voci e le organizzazioni mediatiche conservatrici. Proprio oggi, Facebook ha rimosso un annuncio della campagna di Trump per l’utilizzo di un simbolo che un gruppo di attivisti di sinistra affermava essere un “simbolo nazista” (anche se la maggior parte degli americani…

View original post 876 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...