Uniti, in un corpo solo. (#Dante, Inferno, canto XXVIII, pezzo unico)

leonardolugaresi

Cupo, terribile, pieno di sangue e di tenebra: così è questo canto XXVIII, ossessivamente attraversato dall’inizio alla fine da sconce visioni di corpi mutilati, una più insopportabile dell’altra. (Lo “spettacolo” del corpo umano straziato e deformato dalla malattia, dalla fame o dalle torture è letteralmente osceno: non si regge – come già notavamo nella bolgia degli indovini – se non, per motivi opposti, in forza della pietà che lo cura o della perversione che ne gode. Carità o pornografia: questa è l’antitesi)

Dante non vuole che distogliamo lo sguardo, sembra volerci impedire di pensare ad altro che non siano quei moncherini, quei ventri sbudellati, quelle teste mozzate …

È solo splatter? Altissimo, geniale splatter con secoli di anticipo, ma in fondo solo splatter, cioè sensazione? No, naturalmente, perché la poesia di Dante non è mai una poesia di sensazioni, emozioni, sentimenti e risentimenti, effusioni o infusioni, sbocchi…

View original post 819 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...