Carne adulterata (#Dante, Inferno, canto XXIX, seconda parte)

leonardolugaresi

«Qual dolor fora, se de li spedali / di Valdichiana tra ‘l luglio e ‘l settembre / e di Maremma e di Sardigna i mali // fossero in una fossa tutti ‘nsembre, / tal era quivi, e tal puzzo n’usciva / qual suol venir de le marcite membre» (vv. 46-51). Così comincia la similitudine impiegata per farci capire com’è questa decima e ultima bolgia.

Per descrivere la nona bolgia Dante aveva detto: «S’el s’aunasse ancor tutta la gente / che già, in su la fortunata terra / di Puglia, fu del suo sangue dolente / […] con quella che sentio di colpi doglie / […] e l’altra il cui ossame ancor s’accoglie / […]» eccetera eccetera (cfr. XXVIII, vv. 7-21).

La mossa è analoga: passando dalla bolgia degli scismatici a quella dei falsari, cambia il sapore ma non l’intensità del senso di oppressione che proviamo, quella non diminuisce affatto. Con…

View original post 767 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...