Fratelli … (#Dante, Inferno, canto XXXII, secondo passo)

leonardolugaresi

«Guarda come passi: / va sì, che tu non calchi con le piante / le teste de’ fratei miseri lassi» (vv. 19-21). Dante non si è ancora mosso che già viene raggiunto da questo monito, pieno di un’ironia feroce: attento a non pestare le teste dei fratelli. Perché qui siamo tutti fratelli.

Il che è vero, beninteso, in senso letterale poiché ci troviamo nella Caina, la zona di Cocito in cui sono posti i traditori dei parenti (per sineddoche, i fratelli appunto). Ma è anche atrocemente falso, perché qui c’è tutta gente che i fratelli li ha ammazzati, venduti, odiati senza ritegno alcuno. “Fratelli”, che bella parola: le umane imprese di aggregazione, i grandi movimenti di unità e pace universale tra gli uomini sono prodighi di titoli impegnativi per i loro adepti: compatrioti, compagni, camerati … fratelli, è il massimo (i massoni, per esempio, si chiamano così). Fratelli…

View original post 517 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...