Per fatto personale. (#Dante, Inferno, canto XXXII, terzo passo, con calci in faccia e scotennatura)

leonardolugaresi

Questa non sono mai riuscito a farla digerire ai miei studenti (alle ragazze soprattutto). Che la scena centrale di questo canto – col calcio in faccia, la rissa verbale e l’accanimento di Dante nello strappare a ciocche i capelli di un peccatore per farlo confessare – fosse “giusta”, nel senso di comme il faut, cioè proprio quel che ci vuole a questo punto (come io ho sempre zelantemente sostenuto ogni volta che l’ho letta in classe) non l’hanno mai accettato fino in fondo. Avevano ragione loro, ma avevo ragione anch’io – pur senza essere adeguatamente conscio del motivo, che mi è risultato più chiaro solo in quest’ultima senile lettura.

In realtà, qui è tutto sbagliato, ma proprio nel suo essere tutto sbagliato tutto è come dev’essere; tutto è come non potrebbe essere altrimenti, qui nell’inferno dell’inferno. Quale altro modo ci sarebbe, infatti, per darci almeno un’idea dell’indicibile, di…

View original post 837 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...