La distruzione della Paternità (#Dante, Inferno, canto XXXIII, introduzione nel canto precedente)

leonardolugaresi

Il canto XXXIII, il più nero di tutto l’inferno, comincia nel XXXII. Siamo sempre nell’Antenora, fra i traditori della patria, ma ora anche quel livello di perversione è trasceso: è come se dalla viscere di quel nome, patria, che significa la terra del padre, emergesse un grumo di male ancor più profondo e spaventoso, l’ annientamento della paternità.

Fu De Sanctis a usare l’espressione «tragedia della paternità» per definire la storia del conte Ugolino, e la formula critica è sicuramente adeguata, ma per evitare di ridurne la portata in chiave romantica occorre comprendere quale ne sia il fondamento. Ugolino non rappresenta solo la vittima dell’impossibilità – tragica, appunto – di adempiere al compito di padre, ma raffigura in se stesso la distruzione del Padre, la sua satanica negazione. Con lui siamo finalmente giunti al buco nero che inghiotte ogni realtà, alla radice del mysterium iniquitatis di cui abbiamo…

View original post 540 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...