Ri-cominciare. (#Dante, Purgatorio, canto I, vv. 13-18)

leonardolugaresi

Fatta l’invocazione alle Muse, di cui non parliamo (vv. 7-12: se a qualcuno interessa, chiedete), inizia d’un tratto una musica soave, un canto di una dolcezza infinita: Dolce color d’orïental zaffiro, / che s’accoglieva nel sereno aspetto / del mezzo, puro infino al primo giro, // a li occhi miei ricominciò diletto, / tosto ch’io usci’ fuor de l’aura morta / che m’avea contristati li occhi e ‘l petto. (vv. 13-18)

La prima cosa da fare è assaporare questa dolcezza. Semplicemente. Consiglio di ripetere più volte questi versi, sottovoce, lasciando che si sciolgano in bocca e piano piano sciolgano il cuore. Meglio ancora sarebbe impararli a memoria e tenerli pronti quando c’è da contrastare il gusto ripugnante della lingua bastarda che tanto spesso ci tocca ascoltare ai nostri giorni.

Però non basta: non è un cioccolatino (che comunque è già qualcosa, a questo mondo: un Lindor è sufficiente a smentire…

View original post 675 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...