Catone, un uomo libero. (#Dante, Purgatorio, canto I, vv. 28-93)

leonardolugaresi

Quando si arriva a Catone i commentatori e gli insegnanti spesso si ingolfano in problemi inesistenti, come quello del suo suicidio o della presenza di un “buon pagano” fuori dal limbo. A volte ritengono necessario chiamare in causa un importante saggio di Erich Auerbach e presentare agli alunni l’interpretazione figurale di Catone che vi è contenuta (confesso di averlo fatto anch’io da giovane).

Le cose forse sono più semplici: il suicidio nel caso del Catone dantesco c’entra ben poco, come capisce al volo chiunque conosca il significato dell’espressione “dare la vita”. Semmai questo può essere un problema, e una domanda educativa da porre ai nuovi lettori della Commedia: sappiamo noi oggi che cosa vuol dire dare la vita? Pensiamo noi che la vita possa (e in certi momenti debba) essere data? E a chi? Siamo coscienti del fatto che, d’altro canto, a noi la vita è stata…

View original post 666 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...