Che cos’è un rito? Una cosa seria, che va fatta “come si deve”. (#Dante, Purgatorio, canto I, vv. 94-136)

leonardolugaresi

Che Catone non sia il “guardiano del Purgatorio”, come pigramente si continua a ripetere da tanti, è reso evidente ai miei occhi da come egli si comporta dopo aver saputo che il viaggio di Dante è voluto dal cielo. La differenza dai gorilla della security che avevamo visto in azione all’inferno è abissale: quelli, una volta capito che non è affar loro, spariscono: come piccoli burocrati che ti respingono allo sportello perché il modulo che gli presenti non è quello giusto (“il sistema non me lo prende”) e non gliene frega niente di te e di tutto il mondo, e se invece hai il timbro che ci vuole ugualmente non gliene frega niente di te e di tutto il mondo. Invece un uomolibero, che interviene quando teme che sia successo qualcosa di sbagliato («Son le leggi d’abisso così rotte?»: “Law and Order!”, se mi permettete la citazione quanto mai politicamente…

View original post 951 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...