Il corpo di Dante fa sensazione, ma in modo molto diverso. (#Dante, Purgatorio, Canto V, vv. 1-45)

leonardolugaresi

Il corpo di Dante è al centro dell’attenzione, in questa prima parte del canto. Mentre si allontana dal club dei pigri e dietro a Virgilio riprende a salire su per la montagna, uno dei nullafacenti si accorge dell’ombra che proietta a terra e, strappandosi immediatamente dal suo torpore, grida: «Ve’ che non par che luca / lo raggio da sinistra a quel di sotto, / e come vivo par che si conduca!» (vv. 4-6). Dante istintivamente si volta e poi si trattiene un attimo a guardare incuriosito il gruppo delle anime che, improvvisamente tutte deste dal loro letargo, a loro volta lo guardano meravigliate: «e vidile guardar per maraviglia / pur me, pur me, e’l lume ch’era rotto» (vv. 8-9).

Questione di un attimo, e subito parte un cazziatone virgiliano di quelli coi fiocchi e controfiocchi, che credo ad ogni lettore di buon senso appaia decisamente sproporzionato: «“Perché l’animo tuo…

View original post 647 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...