Pregare serve? (#Dante, Purgatorio, Canto VI, vv. 1-48)

leonardolugaresi

Tutti, quando c’è in gioco qualcosa che gli interessa, si muovono e si danno da fare. I princìpi e i valori son cose belle, chi lo nega; ma ciò che spinge veramente ad agire sono gli interessi. La parola interesse pare brutta agli idealisti, ma se un principio o un valore non diventano un “interesse”, essi nel mondo reale non contanno nulla. Tra chi ha, in proprio, un interesse per qualcosa e chi invece è solo teoricamente ben disposto verso l’interesse altrui la relazione non può che essere asimmetrica. Uno “ci tiene” e l’altro molto meno. Funziona un po’ così anche nel Purgatorio, e la prima scena del canto VI è costruita appunto su questa asimmetria, resa magnificamente dalla vivacissima similitudine dei vv. 1-9 («Quando si parte il gioco de la zara» eccetera). Un colorato e quasi festoso quadro di vita cittadina medievale, in cui una folla di…

View original post 938 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...