Torniamo a parlare del Limbo, nel Purgatorio (#Dante, Purgatorio, canto VII, vv. 10-36)

leonardolugaresi

Saputo che il «mantoano» che ha appena abbracciato è nientemeno che Virgilio, il buon Sordello, già «anima lombarda […] altera e disdegnosa», è come sopraffatto dalla sorpresa e dalla soggezione, perde tutto il sussiego e si fa piccino piccino: «chinò le ciglia, / e umilmente ritornò ver’ lui, / e abbracciòl là ‘ve ‘l minor s’appiglia» (vv. 13-15), che non è ben chiaro se voglia dire che lo abbraccia alle ginocchia o addirittura ai piedi – comunque un gesto un po’ improbabile, di esecuzione non facile senza goffaggine (qualche tempo fa vedemmo un papa baciare le scarpe di un gruppo di capi politici e non fu un bello spettacolo, almeno ai miei occhi). Più avanti, nel XXI canto, vedremo che quando ci proverà Stazio a fare una cosa simile, Virgilio sarà lesto ad impedirglielo.

La faccenda sembra sul punto di prendere una piega cerimoniosa e celebrativa: «“O gloria d’i Latin”…

View original post 604 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...