La preghiera della sera: silenzio e canto nella liturgia. (#Dante, Purgatorio, canto VIII, vv. 7-18)

leonardolugaresi

Ciò che orienta il malinconico desio della sera, gli dà un senso e un compimento e lo salva dalla tentazione, sempre presente, di struggersi in una sorta di compiacimento un po’ morboso (come se il disagio della malinconia certificasse a noi stessi la nostra nobiltà d’animo), è semplicemente la preghiera.

«Era già l’ora che volge il disio / […] quand’io incominciai a render vano / l’udire» (vv.1. 7-8): l’elenco delle teste coronate sciorinato dal solerte cicerone Sordello, che ci aveva (moderatamente) interessato nel canto precedente, ora sembra evaporare a chiacchiera insignificante, che Dante non ascolta più; diventa quasi una sorta di “rumore bianco” di sottofondo, da cui egli si stacca per approdare al silenzio.

Il silenzio, unico habitat in cui la preghiera può vivere, è la pre-condizione necessaria per poter guardare e ascoltare: «[incominciai a render vano / l’udire] e a mirare una de l’alme / surta…

View original post 924 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...