Studio: La “cultura della cancellazione” distrugge la liberta` di parola nelle piu` importanti universita` del mondo

Neovitruvian's Blog

“Gli accademici non possono parlare liberamente dei temi principali della loro giornata, inclusi razza, sesso, risultati delle elezioni, delle loro opinioni sulla religione o sulla discriminazione stessa per paura di sentenze che portano a un’eventuale punizione o censura”

Uno studio condotto da Civitas, un importante think tank focalizzato sull’istruzione, ha scoperto che la libertà di parola nelle principali università del mondo viene erosa a un ritmo allarmante a causa dell’aumento della “cultura della cancellazione”.

Lo studio ha rilevato che negli ultimi tre anni oltre il 68% delle università del Regno Unito ha visto la libertà di parola fortemente limitata, con gli accademici incapaci di discutere in modo significativo le sfumature di questioni come razza e genere.

Il rapporto rileva che le università tra cui Oxford, Cambridge e St Andrews, tre delle istituzioni più importanti al mondo, sono tra quelle che sono cadute nella categoria “rossa” per la libertà di…

View original post 442 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...