Dio non fa “didattica a distanza”. (#Dante, Purgatorio, canto X, vv. 94-96)

leonardolugaresi

Non abbiamo detto ancora abbastanza sul metodo delle tre lezioni sull’umiltà, che è strepitoso. Dopo aver premesso che l’arte di quelle tre scene ad altorilievo che contempla sulla parete della prima cornice è tale che non solo Policleto ma la natura stessa «ne avrebbe scorno», Dante insiste a più riprese sull’effetto sconvolgente che esse provocano su di lui. Si tratta di un vero e proprio conflitto cognitivo: «[L’angel] dinanzi a noi pareva sì verace / quivi intagliato in un atto soave, / che non sembiava imagine che tace. // Giurato si saria ch’el dicesse / […] e avea in atto impressa esta favella […]» (vv. 37-43); e poi: «a’ due mie’ sensi / facea dir l’un ‘No’, l’altro ‘Sì, canta’. // Similmente al fummo de li ‘ncensi / che v’era imaginato, li occhi e ‘l naso / e al sì e al no dicordi fensi» (vv. 59-63); e ancora:…

View original post 1.358 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...