Un’altra superbia, più nobile, da cui guarire: «lo gran disio / de l’eccellenza» (#Dante, Purgatorio, canto XI, vv. 73-87)

leonardolugaresi

Fatta a pezzi la superbia nobiliare – la più stupida di tutte e, sotto mentite spoglie, la più diffusa anche tra i “democratici” e gli “amici del popolo” – ora Dante affronta la superbia più nobile, se così si può dire; quella che sembra (e in un certo senso è davvero) la più motivata e ragionevole di tutte (se mai di un peccato si potesse dire che è ragionevole): la superbia degli artisti.

Dal primo lavacro, il «figlio di un gran Tosco» era uscito bene: si confronti il turgore altisonante e smaccato della prima autopresentazione, «Guiglielmo Aldobrandesco fu mio padre» (v. 59) con la nuda semplicità della seconda: «Io sono Omberto» (v. 67). Quanto è migliorato quest’uomo, da quando è in cura qui nel Purgatorio! Si sta riappropriando della sua identità, diremmo noi moderni: è tornato capace di dire il suo nome, invece di paludarsi in un cognome…

View original post 1.266 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...