Due modi (cristiani) di scampare alla superbia: andare al cimitero e avere degli amici (#Dante, Purgatorio, canto XI, vv. 88-142)

leonardolugaresi

Ieri ci eravamo chiesti come si fa a non inorgoglirsi quando si è bravi. In particolare, come può colui che primeggia nell’arte perché ha «gran disio de l’eccellenza» sfuggire alla tentazione della superbia, di cui, come ci ricorda Oderisi, «qui si paga il fio» (v.88), perché anche nella sua forma più nobile e “giustificata” essa è comunque un peccato, anzi il primo peccato, che fa da matrice a tutti gli altri? Una prima risposta al quesito, che lo riguarda personalmente, Dante la fornisce nei vv. 91-117, che però, letti superficialmente, sembrerebbero ricalcare una saggezza umana capace forse di ispirarci ammirazione ma non di convincerci fino in fondo. Una cosa un po’ stoicheggiante che avrebbe potuto scrivere, che ne so, anche Marco Aurelio: «Oh vana gloria delle umane posse! […] Non è il mondan romore altro ch’un fiato / di vento […] La vostra nominanza è color erba, / che viene…

View original post 1.293 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...