Come “vedono” i ciechi? (#Dante, Purgatorio, canto XIV, vv. 1-9)

leonardolugaresi

Com’è essere ciechi? Come “vede” la realtà un cieco – cioè come la percepisce, posto che, per noi che vediamo, la vista è quasi tutto? È come traspare dal dialogo con cui si apre il canto XIV. Qui Dante ci fa “vedere”, o se preferite sentire, la cecità, senza descrivere nulla (come farà invece doviziosamente D’Annunzio nel suo Notturno), ma solo facendola parlare.

«“Chi è costui che ‘l nostro monte cerchia / prima che morte li abbia dato il volo, / e apre li occhi a sua voglia e coverchia?” // “Non so chi sia, ma so ch’e’ non è solo; / domandal tu che più li t’avvicini, / e dolcemente, sì che parli, acco’lo”. // Così due spirti, l’uno a l’altro chini, / ragionavan di me ivi a man dritta; / poi fer li visi, per dirmi, supini» (vv. 1-9).

Non si obietti che possono averlo capito ascoltando…

View original post 75 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...