Le parole e le cose.

leonardolugaresi

Frammento di conversazione appena captato al volo, durante la mia camminata in collina (a Celincordia, per chi è delle mie parti). Locutore, quello che ai miei occhi appare come un “giovane maschio adulto” (vuol dire probabilmente un quaranta/cinquantenne, ma io non sono bravo a stimare l’età delle persone) che parlava con un suo simile di poco più anziano: «ieri ho scritto alla Stefania, una ragazza di cinquantun anni compiuti». Il clic che è scattato nella mia mente dapprima mi ha portato a pensare alla sconnessione, che è sempre più forte, tra il nostro linguaggio e la realtà.

Poi mi sono immaginato quella Stefania, sulla base del fatto che lui la chiamava “ragazza”, e anche se io la definirei piuttosto “una bella donna” – (volendo, ahimé, dire “una donna attraente”: bisogna essere onesti e confessare i propri peccati linguistici, anch’io uso l’aggettivo “bello” in un modo che Dante mi piglierebbe a…

View original post 175 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...