La santa fretta. (#Dante, Purgatorio, canto XVIII, vv. 100-105)

leonardolugaresi

All’accidia, il quarto peccato capitale, è dedicata solo la parte finale del canto XVIII, ed è un peccato, perché noi in proposito avremmo un gran bisogno che Dante ci facesse scuola. Mi pare infatti che proprio l’accidia, cioè la mancanza di vigore nell’amare il bene, sia la principale malattia spirituale che oggi ci affligge. Più (e prima) che bramosi di schifezze e porcherie, siamo inappetenti del cibo buono e sano che ci farebbe vivere. Le nostre tanto vantate libidini, di sesso purchessia o di soldi o di potere, sono in realtà una ben misera cosa, del tutto secondaria alla nostra frigidità verso il Bello, il Buono, il Vero. Troppo poco cupidi del paradiso, è per questo che rischieremmo l’inferno (se non fosse per quella faccenda della Bontà infinita che ha sì gran braccia …). In fin dei conti c’è pure una parola di Gesù che dice che il…

View original post 949 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...