Il valore infinito di un’anima. Una sola, singola anima. Per Dio. (#Dante, Purgatorio, canto XXI, vv. 13-78)

leonardolugaresi

«O frati miei, Dio vi dea pace» (v. 13): la natura “cristoforica” del nuovo personaggio si palesa già tutta in questo saluto, e rivela al tempo stesso il “nuovo mondo” al quale ci stiamo rapidamente avviando. Non più il “chi siete? Dove andate?” che avevamo sentito finora, e che è la norma (di prudenza!) anche nel nostro mondo, al primo imbattersi in uno sconosciuto, ma il saluto del Risorto (cfr. Gv 20,19). Nel nuovo ordine di cose, che costui in sé preannuncia, è piuttosto la condizione di Virgilio ad apparirci – ed è la prima volta che siamo indotti a vederla sotto questa luce! – davvero strana, “fuori posto”: «Come!» (v. 19).

Siamo indotti a pensare quanto la presenza di un dannato (perché tale è, in quanto per sempre escluso dalla visione beatifica di Dio, il buon Virgilio; e non dimentichiamo che questo dato, per quanto indiscusso, rimane per il…

View original post 686 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...