«Facesti come quei che va di notte»: una lezione sulla lettura e i paradossi cristiani. (#Dante, Purgatorio, canto XXII, vv. 19-93)

leonardolugaresi

Qui, nel XXII canto, Stazio ci insegna come si legge. Impariamo da lui che non si legge mai unicamente per piacere. A dire il vero, ce lo aveva già fatto capire Francesca, nel V dell’Inferno («noi leggiavamo un giorno per diletto / di Lancialotto come amor lo strinse» … e abbiamo visto com’è andata a finire), ma forse allora non ci abbiamo fatto abbastanza caso. Ora però è chiaro che non si legge mai impunemente.

Oggigiorno, disperati per il tracollo della parola di fronte alla marea di immagini (brutte, per lo più) che travolge le nostre menti e le nostre vite, genitori e maestri son sempre pronti a festeggiare ogni e qualsiasi lettura che si riveli gradita ai loro pargoli; e chi di noi, diciamo la verità, non simpatizza subito, d’istinto, con il raro giovane che talvolta scorgiamo tra la folla intento a leggere un libro, in…

View original post 1.414 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...