La volgarità, biasimata persino da Cicerone e dalla Sacra Scrittura

Amiamo l’Italia!

Maiali - foto di Beatrice Hohl da Pixabay

(Foto di Beatrice Hohl da Pixabay)

Certamente, la volgarità – e il suo peggiorativo, l’oscenità – è una piaga del genere umano. Riversa fuori dalla bocca e purtroppo anche nero su bianco la sporcizia che alberga in molti cuori. Ma la volgarità affonda le radici in epoca molto remota, tanto che persino Cicerone ha scritto al riguardo.

Citiamo il grande oratore e pensatore latino, dalla sua opera De Officiis (Dei doveri):

103. […] È lecito senza dubbio lasciarsi andare talvolta al gioco e allo scherzo, ma come è il caso del sonno e degli altri riposi, cioè quando avremo adempiuti i nostri gravi e importanti doveri. E il genere stesso dello scherzo dev’essere, non eccessivo o smodato, ma onesto e gentile. Come non concediamo ai fanciulli ogni libertà nei giochi, ma solo quella che non è contraria alle azioni richieste dall’onestà, così anche nello scherzo risplenda un barlume…

View original post 366 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...