Attenti al fuoco! (Col sesso non si scherza) [#Dante, Purgatorio, canto XXV, vv. 109-139]

leonardolugaresi

Giunti «a l’ultima tortura» (si pesi bene questa definizione della settima cornice!), Dante – che l’esperienza di vedere degli uomini bruciare vivi l’aveva fatta (cfr. XXVII, v. 18: «umani corpi già veduti accesi», un verso potente, che a me si è tatuato nella memoria e non si cancella più) – vuole che il fuoco lo sentiamo veramente, per quello che è: non un fuoco letterario, pronto alla metaforizzazione (il “fuoco della passione” per cui si “arde d’amore”, ed altre sciocchezze da segretario galante), neppure un’allegorica, e perciò fredda, “cortina di fuoco” come si legge nei commenti e anch’io, troppe volte, ho meccanicamente ripetuto spiegando questo passo agli studenti. «Quivi la ripa fiamma in fuor balestra, / e la cornice spira fiato in suso / che la reflette e via da lei sequestra» (vv. 112-114): se si dà pena di descrivere analiticamente un effetto fisico così particolare, non è tanto per…

View original post 578 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...