Dante sogna una bella donna, anzi due; e il maestro Virgilio si congeda, a nostra insaputa. (#Dante, Purgatorio, canto XXVII, vv. 76-142)

leonardolugaresi

Lo so che sui sogni di Dante ci sarebbero tante cose da dire, cose dotte, profonde e anche un po’ esoteriche. Ne so quel poco che basta per sapere che non ne so abbastanza, ma non è per questo che non ne parlo, quanto piuttosto perché, dopo essere uscito dal fuoco dell’ultima prova in cui stava per andare a finire tutto male, come lettore sono, al pari di Dante personaggio, in modalità spensierata e fanciullesca. Durerà poco questo momento di «vita iniziale», dunque condediamoci di goderlo, «come al fanciul si fa ch’è vinto al pome» (v.45); pienamente giustificati in ciò dall’autore poiché, come nota con grande acutezza Anna Maria Chiavacci Leonardi, «la scena sorridente di Virgilio, che guarda [Dante] come si fa con un fanciullo renitente vinto dalla promessa di un frutto, non ha valore idillico, né funzione di allentamento della tensione, come è stato detto, ma ha un profondo…

View original post 1.836 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...