Dante va nella luna (non appena sulla luna, come Atolfo e gli astronauti). [#Dante, Paradiso, canto II, vv. 19-45]

leonardolugaresi

Poiché anche il Paradiso, non meno dell’Inferno e del Purgatorio, è prima di tutto un racconto, occorre chiedersi ad ogni canto: “che cosa succede qui?”. La risposta non è scontata perché, a differenza delle altre due cantiche, qui non viene rappresentato un movimento dei personaggi nello spazio-tempo che ci è familiare. Sembra dunque che non succeda nulla, o quasi. Sembra a noi, che non abbiamo occhi per vedere ciò che accade veramente, noi che non sappiamo più che cosa sia un evento.

Qui succede che Dante sale al primo cielo e va non sulla luna – cosa che tutti sono capaci di immaginare e qualcuno anche di fare, come si è visto cinquanta anni fa – ma nella luna. Seguiamo umilmente la narrazione, verso per verso. «La concreata e perpetüa sete / del deïforme regno» – questo è ciò che siamo noi, la nostra più…

View original post 856 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...