Aborto e suicidio: il nostro cuore messo a nudo.

leonardolugaresi

Vinta ormai da tempo la battaglia dell’aborto – ormai dogmatizzato al punto che anche solo dirsi pubblicamente contrari è diventato rischioso – il Kulturkampf dei “nuovi diritti“ è ora entrato, sul fronte italiano, nella campagna militare per il “diritto di suicidio“. Anche in questo caso le probabilità di vittoria sono altissime e l’arma più efficace, come in tutte le offensive precedenti di questa che è la vera guerra mondiale, sarà il “principio di autodeterminazione“. È come il Kalashnikov: semplice, poco costoso, senza bisogno di una grande manutenzione intellettuale; non si inceppa mai e tutti sono capaci usarlo nella sua forma più elementare. «Tu non sei obbligato (ad abortire, a suicidarti, ad affittare un utero per farti un bambino, a fare “x” o “y” e così via fino all’ennesimo “nuovo diritto” che si vorrà introdurre), ma come ti permetti di impedire agli altri di abortire, di suicidarsi, di affittare un…

View original post 789 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...