Il Potere, la Persona e Dio. (#Dante, Paradiso, Canto VI, vv. 1-24)

leonardolugaresi

Non leggeremo il canto VI del Paradiso come “il canto di Giustiniano” o “il canto dell’impero”, secondo la vulgata scolastica che lo mette in asse con il VI dell’Inferno, che sarebbe dedicato a Firenze, e il VI del Purgatorio, riguardante l’Italia, come terzo elemento di una presunta trilogia politica, (che non ha molto senso ritagliare all’interno della Commedia,che è tutta politica). Lo leggeremo piuttosto come il canto di Giustiniano e di Romeo da Villanova, messi sullo stesso grado d’importanza benché il primo occupi 126 versi e il secondo solo 16; e come il canto che più scava sul nesso tra il potere e la persona, o per meglio dire tra l’aspetto istituzionale e impersonale del potere e l’uomo che lo gestisce e/o lo subisce.

Tale nesso è messo a fuoco sin dal primo verso: «Poscia che Costantin l’aquila volse», endecasillabo che salda nel suo centro il…

View original post 904 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...