Perché non bastava che Gesù morisse per noi. (#Dante, Paradiso, canto VI, vv. 34-96)

leonardolugaresi

La parte centrale del canto (vv. 34-96 è dedicata alla celebrazione della «virtù» del «sacrosanto segno» – come Dante chiama, con un linguaggio che definiremmo quasi sacramentale, il potere imperiale simboleggiato dall’aquila, che era stato messo in campo sin dal primo verso («poscia che Costantin l’aquila volse») quale apparente protagonista del discorso di Giustiniano. A prima vista, questa sezione potrebbe sembrare una specie di riassunto di storia romana, e così temo che molte volte venga pigramente letta nelle scuole; se però non ci si lascia distrarre troppo dal vistoso ma superficiale “cesarismo” dei versi dedicati al de bello Gallico e al de bello civili (vv. 58-72, che potrebbero ricordare il “napoleonismo” di un altro poeta cristiano: “di quel securo il fulmine tenea dietro al baleno”) ci si accorge che la trama segreta del discorso è tutt’altra: non l’esaltazione delle vittorie militari e delle conquiste imperiali nella forma del Blitzkrieg

View original post 682 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...