I PERICOLI CHE CIRCONDANO L’EUROPA

Il Vaticano da che parte sta?

IL CORRIERE DELLA COLLERA

DAL BALTICO AL CAUCASO ZONE DI CRISI. ECCO COME TIRARCENE FUORI

Tutti presi dalle paure sanitarie vere o false che siano – entrambe certamente esagerate- i media del nostro continente evitano di esaminare la situazione geopolitica dell’Europa che sta complicandosi al punto di rappresentare un vero e proprio assedio della fortezza Europa e di indagare sulle cause remote o immediate e i responsabili.

Nella illustrazione sovrastante ho evidenziato tutte le ragioni di crisi e di preoccupazione che possono ciascuna svilupparsi in focolai di guerra come la Siria,la Libia,l’Ucraina o il Kurdistan.( I quadratini color rosso)

Per evitare di credere che i pericoli che ci minacciano siano tutti esterni alla Confederazione, ho fatto illustrare in verde anche i due pericoli di secessione,( oltre al Donbass) pudicamente indicati come inclinazione separatista ( Scozia e Catalogna e ho evitato di mettere la macchia verde anche a Gibilterra che comunque ha votato a maggioranza…

View original post 606 altre parole

#Nothing will do!

The sense

Non andrà bene un bel niente
se non vi destate
dal placebo torpore
che stavolta
nessun stato o governatore
ha interesse a salvarvi!

Chi non si desta
è sicuro morto!

Sveglia gente!
Serve essere dissidenti uniti
per salvare i diritti conquistati e difesi
dai nostri predecessori
finché fosse impedito
che una certa massoneria illuminata
avesse il sopravvento.
Ora che è in auge
il popolo ne combatte ne difende
ma ne è complice.
Ed i complici scontano sempre
una pena maggiore.

by tania

Nothing will do
if you don’t wake up
from placebo numbness
that this time
no state or governor
has an interest in saving you!

Who does not wake up
he is sure dead!

Wake up people!
We need to be united dissidents
to save the rights won and defended
from our predecessors
until it was prevented
than a certain enlightened Freemasonry
had the upper hand.
Now that’s in…

View original post 23 altre parole

Quinoa and Italian lentils

The sense

Quinoa e lenticchie italiane

Tra profumo e mangiare c’è di mezzo il cucinare.

Un piatto semplice e organizzandosi anche veloce da preparare.
Versare in un colino e lavare le lenticchie sotto acqua temperatura ambiente e porle in una pentola antiaderente o Inox.
Coprire di acqua q.b. (in genere proporzione 1:2 eventualmente aggiustando durante la cottura) e avviare cottura (25 minuti).
Dopo 10 minuti circa di bollore aggiungere la quinoa (cottura 15 minuti circa).
Nel frattempo preparere un trito di cipolla o di aglio, una carota tagliata a cubetti piccoli, trito di sedano, qualche pomodorino ciliegia tagliato in quarti. Aggiungere le verdure agli ultimi 5 minuti di cottura e aggiungere peperoncino secondo i gusti, un pizzico di sale integrale, un pizzico di cardamono.
A termine cottura impiattare e spolverare se gradito di origano secco, condire con un filo di olio evo a crudo.

by tania

Quinoa…

View original post 147 altre parole

Whole grain bread

The sense

Pane integrale

Croccante pagnotta di pane integrale casereccio, al profumo di origano.

Ingredienti: farina integrale di grano ternero, semola integrale rimacinata, acqua q.b., lievito madre essiccato, origano secco.
Attivato il lievito, sciogliendolo in acqua tiepido e lasciandolo attivarsi per 10-15 minuti, procedere a mescolare tutti gli ingredienti secchi a cui aggiungere poi il lievito sciolto e l’acqua necessaria a impastare.
Lasciare maturare una notte (io lascio anche 20 ore).
Prendere l’impasto, manipolarlo velocemnte per dargli la forma desiderata. Infornare in forno preriscaldato 250 gradi 15-20 minuti, poi abbassare a 190 gradi per altri 20-25 minuti.

Contrariamente al dire e fare dell’industria alimentare e di molti panificatori o ricette casalinghe, NON è vero che il pane integrale necessita di grassi per lavorarlo (strutto, olii o altro), si lavora benissimo con acqua e farina, anche per i panetti senza lievito di cui ho già trattato in precedenza.
Parimenti, rispetto a quello commerciale…

View original post 306 altre parole

Multicolored chickpeas

The sense

Ceci multicolore.

Ingredienti:
ceci
aglio
carota
sedano
pepe nero in grani macinato o peperoncino
sale integrale
olio evo
origano secco o fresco se disponibile
rosmarino fresco tritato se disponibile

Lessare i ceci con i chiodi di garofano e se disponibile una foglia di alloro e di salvia, a 5 minuti da fine cottura eliminare i chiodi di garofano, l’alloro e la salvia. Se rimane acqua in eccesso scolare i ceci (l’acqua si può usare per cuocere risotti o nell’acqua di bollitura della pasta).
Aggiungere gli ortaggi mondati, lavati e tagliati le carote a fettine, trito di aglio e sedano e un pizzico di sale. Se si usa peperoncino inserire il peperoncino.
Impiattare e spoverare di origano, trito di rosmarino, olio evo e se si usa pepe aggiungerlo ora.

by tania

Multicolored chickpeas.

Ingrediants:
chickpeas
garlic
carrot
celery
ground black peppercorns or chilli
whole salt
extra virgin olive oil
dried…

View original post 108 altre parole

Surprise cake with apples and raisins

The sense

Torta sorpresa di mele e uva passa.

Ingredienti:
200-250 gr farina integrale
150-100 gr farina di semola integrale rimacinata
(totale delle due farine 350 gr, con maggioranza farina integrale)
1 mela golden gialla
1 manciata di uva passa
1 cucchiaio di zucchero integrale facoltativo
1 cucchiaino di lievito secco
1 pizzico di sale
cannella
anice o zenzero
1-2 cucchiai olio evo facoltativo
acqua q.b. (è possibile usare anche latte vaccino)

Ammollare l’uva passa.
Mescolare le farine e l’eventuale cucchiaio di zucchero.
Attivare il lievito con acqua tiepida.
Tagliare la mela a cubetti.
Incorporare pezzi di mela e uva passa sgocciolata, le spezie e mescolare.
Formare una fontana e al centro e versare il lievito e acqua quanto basta per impastare. Eventualmente mescolare latte e acqua.
Il dolce dà ottimi risultati senza olio, ma chi desidera o è abituato ai dolci classici, può aggiungere olio evo.
Ottenuto l’impasto liscio, lasciare…

View original post 241 altre parole

Orange and chocolate surprise cake

The sense

Torta sorpresa di arancia e cioccolato.

Ingredienti:
200-250 gr farina integrale
150-100 gr farina di semola integrale rimacinata
(totale delle due farine 350 gr, con maggioranza farina integrale)
1-2 arance
qualche pezzo di cioccolato (meglio se fondente, si può utilizzare eventuale cioccolato avanzato da eventi, feste ecc.)
1 cucchiaino di lievito secco
1 pizzico di sale
cannella
anice
zenzero
1-2 cucchiai olio evo facoltativo
acqua q.b. (è possibile usare anche latte vaccino)

Mescolare le farine con le spezie.
Attivare il lievito con acqua tiepida.
Tagliare l’arancia a cubetti tenendo anche la buccia (se edibile).
Incorporare pezzi di arancia e cioccolato alle farine e mescolare.
Formare una fontana e al centro e versare il lievito e acqua quanto basta per impastare. Eventualmente usare latte e acqua.
Il dolce dà ottimi risultati senza olio, ma chi desidera può aggiungere olio evo.
Ottenuto l’impasto liscio, lasciare riposare una giornata o una notte…

View original post 234 altre parole

SAN LORENZO, IO LO SO PERCHE’ TANTO DI STELLE ARDE E CADE…

IL CORRIERE DELLA COLLERA

UN INEDITO SU MIO PADRE SCRITTO DAL GEN. NANI GIA’ COMTE DELLA REGIONE NORD EST

Il Generale di corpo d’armata Antonio Nani era già in pensione da qualche anno. Aveva lasciato il servizio come “Comandante designato della III Armata” ossia come comandante in pectore del fronte orientale in caso di guerra.

Io avevo lasciato il servizio da un bel pezzo. Ma quando mi mandò a chiamare mi presentai immediatamente. Aveva fatto la Spagna come capo dell'”ufficio I” ( acquisendo tra l’altro i piani del centuron de hierro de Bilbao) e concluso la mondiale come capo di stato maggiore di Rommel nella ritirata di Libia. Gli dobbiamo la nostra ultima vittoria africana della battaglia del passo Kasserine.

” Conosciamo entrambi la taccagneria dell’amministrazione della Difesa. Mi hanno assegnato un accompagnatore. Segno che ho poco tempo da vivere. Voglio dedicarlo a scrivere di tuo padre che é un eroe sconosciuto. Portami…

View original post 1.037 altre parole

Abbé Barthe: l vescovi italiani e alcuni cardinali dietro il Traditionis custodes

Il fumo di Satana

Il sacerdote francesce Claude Barthe sa chi sono tutti i coinvolti nella decisione che ha portato all’editto papale contro la Messa tradizionale. E adesso rivela (avvalorato da più fonti) che i vescovi italiani, e un paio di cardinali italiani in Curia, furono all’origine e la forza motrice dietro questo documento.


View original post 1.860 altre parole